Lipgloss ck calvin klein questione ck

Appiccicosissimi, ma duraturi + La questione Ck beauty-Markwins: perchè i prodotti Ck sono scontati?

Come chi mi segue saprà già, ahimè, a memoria, perchè tendo a ripetermi come una vecchia zia, non sono una grande amante dei lipgloss in generale… però, non so bene perchè, alla fine mi ritrovo con un cassettino pieno perfino di quelli… uno per il colore, l’altro per la tenuta, un altro ancora per il profumo di dolcetto… insomma alla fin fine non sarò una gran fan dei lipgloss, ma inizio ad avere anch’io le idee ben chiare su cosa mi piaccia e cosa no, in questa categoria di cosmetici e quello che mi piace in genere è non molto pigmentato, abbastanza appiccicoso e dunque almeno un po’ duraturo e possibilmente molto luminoso 😉

Esattamente quello che Ck ha realizzato con questi lipgloss che non piaceranno affatto a tutte le amanti delle labbra effetto bagnato non appiccicoso!

Il brand

(Si prega il lettore di mantenere attivo il suo proprio giudizio: non posso garantire che tutto ciò che ho riportato sia esattamente specchio della situazione, si tratta semplicemente di un riassunto rielaborato personalmente da me di tutte le notizie reperibili in rete sull’argomento.)

La linea makeup by Calvin Klein risulta scontatissima ormai da parecchio tempo, chi ama lo shopping makeupposo lo sa bene, in moltissime profumerie… molte di noi si sono domandate per quale motivo e il risultato delle mie ricerche sulla rete purtroppo non portano a nulla di “ufficiale”, anche se qualche spiegazione interessante c’è e il mosaico inizia a formarsi…

Sulla rete ho trovato chi parlava di ritiro dal mercato per ingredienti pericolosi, ma sinceramente non so quanto crederci perchè ormai tutte conosciamo anche il caso Reveel e il caso Wet ‘n Wild, entrambe ritirate dal mercato ed effettivamente sparite dai negozi nel giro di poco tempo, anche se ho visto circa tre mesi fa un negozio cinese in centro a Monza vendere ancora smalti e altri cosmetici del marchio finto-milanese, mentre il brand Ck è ad oggi ancora scontatissima ma reperibile davvero in moltissime profumerie italiane alla luce del giorno.

Le versioni più accurate parlano di una stessa azienda, la Markwins Classic Brands licenzataria del marchio Ck Calvin Klein Beauty, cui sarebbero appartenute sia Ck sia W’nW, incriminata per aver messo sul mercato cosmetici tossici per bambine: non è dato sapere, però, se la Ck, non essendo stata ufficialmente ritirata ma solo svenduta per “cessata attività” seguita al fallimento del brand sul versante cosmetico, contenesse in un qualche modo sostanze tossiche.
Di fatto non si trova un comunicato stampa dell’azienda in internet che parli di quest’argomento, ma pare che non solo alla Markwins siano stati ritirati dal mercato i prodotti W’nW, ma addirittura i prodotti Ck siano ancora in svendita oggi per recuperare un buco lasciato dalla Markwins con fornitori e dipendenti.

Il nesso, nonchè la testimonianza di una ex dipendente su questo post del forum di alfemminile, sarebbe appunto quello di fare passare il messaggio di non comprare più prodotti della Markwins per via sia dei loro zero scrupoli nei confronti sia dei consumatori (Wet ‘n Wild docet) sia dei loro ormai ex dipendenti.

La mia personale opinione in merito a tutto questo è che i prodotti Ck non siano tossici rispetto agli standard previsti per legge almeno nel nostro paese, perchè non sono stati ritirati dal mercato, però sinceramente dopo essermi informata quanto possibile (purtroppo ad oggi non sono reperibili in rete comunicati stampa della Ck o Markwins in merito) ho deciso di non acquistare più in futuro prodotti di questa linea, per quanto fino ad oggi io mi ci sia trovata indubbiamente bene, anche e soprattutto per la poca chiarezza che in merito è stata usata.

I lipgloss Ck

La mia recensione, pur sconsigliando l’acquisto per motivi quantomeno etici, non può non comprendere una breve recensione d’uso dei prodotti acquistati circa un anno fa, per dovere di cronaca e perchè il mio impegno è di recensire i cosmetici attualmente in vendita e questo è il caso, tutt’ora, di questi lipgloss.

Il packaging di questi prodotti è estremamente semplice e, forse proprio per questo, piacevole.
La quantità di prodotto è di 6,5 ml, che in tutti e tre i casi mi sono costati 5 euro in forte sconto su un originale prezzo di listino intorno ai 15/18.
La scadenza è fissata a 24 mesi dall’apertura e i prodotti sono marchiati come made in Italy.

Ecco gli swatch sulla mano:

Sulle labbra le differenti tonalità si rivelano molto simili come effetto, specialmente il bianco con glitter argento e il giallino con glitter oro, illuminano le labbra diversamente, ma non è un effetto diverso come lo si vede qui in foto sulla mia pelle chiara, almeno se come me avete le labbra piuttosto pigmentate.

Questo il risultato del colore più chiaro, un bianco glitterato sull’argento

…e questo il suo applicatore, che costituisce una nota dolente perchè sinceramente lo trovo non comodissimo perchè rilascia una quantità di prodotto notevole rispetto agli altri applicatori,
di questo colore e tipo di lipgloss c’è da fare un accenno alla profumazione estremamente dolce, sembra davvero di avere zucchero in gloss sulle labbra, ma questa è una caratteristica solo di questa forma a “tubetto di dentifricio” della linea di lipgloss Ck.

Il secondo colore, quello giallino-dorato risulta così sulle labbra:

Qui l’applicatore è più comodo: si tratta di un corto pennellino comodo da usare anche volendo in punti e modi precisi

A mio parere la differenza non è granchè visibile, fra i due consiglierei sicuramente, a parità di durata e resa, il primo per il gusto.

E il terzo ed ultimo colore, un colore più sul lampone, decisamente più pigmentato e scuro, risulta comunque così sulle labbra:

E qui l’applicatore è il classico a spugnetta angolata da lipgloss:

La resa, come detto all’inizio, è abbastanza buona, anche se sulle mie labbra niente dura più di un tot e questo è il motivo per cui preferisco rossetti e tinte per labbra 😉

In conclusione:

Non posso che dare un voto “di mezzo” a questi prodotti che, obiettivamente, non sono prodotti fatti male (infatti il prezzo “originale” non era dei più economici), ma non penso che siano lipgloss dai colori/dalle texture insostituibili: come questi ce ne sono parecchi, magari di marche con politiche maggiormente “trasparenti” e sensibili nei confronti di noi consumatori, che abbiamo tutto il diritto di pretendere chiarezza su cose fondamentali come il motivo per il quale un’intera linea di makeup da profumeria sia caduta in disgrazia da un paio d’anni a questa parte senza sentirtci dare spiegazioni vaghe come “non terremo più questa marca” o false come “il marchio non ha venduto”. La mia valutazione, dunque, non può che tenere conto del contesto.
Se qualcuna/o fra le mie lettrici/ i miei lettori dovesse avere maggiori informazioni in merito prego di usare tutto lo spazio utilizzabile nei commenti come fosse una sorta di piccolo forum.
Inoltre mi farebbe piacere, comunque, sapere cosa ne pensate.

Sperando come sempre di esservi stata utile vi saluto,
un bacino!

Des

Quattro eyeshadow by essence

Comode ed economiche anche se non pigmentatissime

Buongiorno, oggi vi parlerò di quattro palettine di Essence che uso da mesi saltuariamente, ma che mi sono venute utili molte volte in viaggio o in giornate particolamente stancanti.
Dati comuni a tutte e quattro le palettine sono quantità, scadenza, produzione e prezzo, oltre che l’INCI:
Si tratta di 5 grammi divisi in 4 cialdine di prodotto che scadono a 12 mesi dall’apertura, sono prodotti in Germania per cosnova e costano 3 euro e mezzo!

Ecco l’INCI di una a caso fra le palettine, ma qualcosina ho visto che varia quindi se avete bisogno dell’inci di una in particolare scrivetemelo che ve lo pubblico ^^

Ed ecco qui come si presentano:

Da sinistra:

    • la numero 01 Ciao Bella!

si tratta di una palettina sui toni del marrone, dal beige chiarissimo luminoso al marrone castagna dorato. Di questa palettina l’utilità è chiara: trucco neutro/naturale. Più che il primo colore qui è il secondo a non essere scriventissimo, gli altri fanno tutti il loro dovere, perfetti per essere sfumati fra loro in un unico trucco =) Le cialdine non sono particolarmente farinose e i colori sono lievemente shimmer.

    • la numero 04 Sixties Reloaded

questa palettina invece da sui toni classici di uno smokey eyes (grigio-bianco-nero) aggiungendo un viola eventuale da alternare al grigio per uno smokey eyes viola. In questa palettina l’unico colore non troppo scrivente è il viola, ma nel complesso devo dire che comunque non è impossibile da usare, io in genere faccio un mix di grigio e viola e li uso direttamente insieme, mi piace il colore che danno ^^ Questa è la palettina di questa linea che ho trovato più scrivente (quella marrone è buonissima, semplicemente ha toni più naturali). Sono colori dall’effetto metallizzato diciamo, un po’ farinosi.

    • la numero 07 Party Animal

Una carinissima combinazione di colori sgargianti (che poi non sono pigmentatissimi, ma insomma non sono nemmeno malaccio, in foto ne vedete due passate e direi che il risultato è molto buono), sono quasi del tutto mat e non sono farinosi. Indicati per trucchi non sobri 😀

    • la numero 08 Summer Love

l’ultima uscita in ordine di tempo, i colori non sono male anche se il rosa non scrive granchè, in compenso il bianco in realtà è perlato e ha una deliziosa sfumatura rosa che si vede in condizioni di luce naturale, altrimenti risulta bianco non gesso ma luminoso. Verde e rosa sono quasi mat, il verde è piuttosto farinoso, l’arancione colora molto è un bel colore carico come quello che si vede anche da applicato.

Concludendo:

Sono prodotti estremamente economici che, per il loro prezzo, fanno molto bene il loro lavoro, in linea generale i colori più scuri e meno mat sono i migliori come scrivenza e texture, quindi grossodo seguendo queste dritte dovreste riuscire a trovare qualcosa di buono a un prezzo ridicolo =)
Quando il colore me lo permette tendo ad utilizzare sotto questi quad un ombretto in crema di essence (del quale vi ho parlato qui) che mi intensifica il colore e fa in modo che non vada nelle pieghette, durando anche a lungo.

Vi auguro buon divertimento, sperando che da voi il tempo (metereologico e non) permetta di passare questa fine estate in modo allegro e spensierato ^^

un bacione!

Des

Fotd makeup pinup style

Ok, cambio gli orecchini, ma tutto sommato non è male questo look, pensavo che sarebbe risultato più artificioso su di me.

Per non parlare del rossetto, che letteralmente ADORO. Mi è stato inviato in prova poco tempo fa, quindi lo voglio provare assieme ai suoi fratellini ancora un po’ prima di parlarvene, ma lo vedete in foto: il colore è stupendo e mi sta durando ore, ci ho anche mangiato ^^

Per il resto ho usato per la palpebra un ombretto bianco di Kiko e un color grigio-tortora nella piega sempre di Kiko che adoro (numeri 01 e 23), l’eyeliner in penna sempre della stessa marca che però non amo troppo, matita bianca H&M nell’interno dell’occhio (scrivenza ottima, anche se non so che schifezze ci sono dentro, H&M mi fa sempre un po’ paura ;)), per il viso un fondo minerale, la cipria hollywood di neve makeup e il kit per contouring della Sleek che vi straconsiglio ^^

…Sto aspettando un ordine Kiko con le ultime novità… d’estate si fanno pregare proprio tutti con le spedizioni, rallenta tutto -.-

e niente, ragazze… buon pomeriggio, vi farò una review di ombretti Collistar più tardi, ora torno sui libri 😉

Des

Collistar ombretto doppio effetto wet

Colori che alla luce del sole danno il loro meglio

Questi ombretti di Collistar, ragazze, sono davvero molto carini specialmente se usati bagnati.
Si tratta, infatti, di ombretti wet&dry, che possono essere usati in entrambi i modi.

Come sempre li si può usare bagnati da semplice acqua, da acqua termale o da fissanti appositi per il trucco come il Fix+ di Mac o la Nebbia per makeup di Neve makeup. Ho provato in passato anche il fissante Kiko e quello di Sephora, che non vi consiglio.

Non sono convinta che questi ombretti Collistar li venda ancora nella confezione che ho io e che vedete in foto, mi sembra che abbiano cambiato packaging, ma come per tutte le cose potrei sbagliarmi… In ogni modo questa confezione secondo me è (o era) carinissima, rimandando alle confezioni che Collistar usa per i suoi blush, per le sue terre e ciprie…insomma un po’ per quasi tutti i suoi prodotti 😉
(maggiori info su www.collistar.it)
Questo è il numero 14, il Turchese dorato.

Purtroppo questi ombretti, a differenza per esempio di quelli di Kiko, non rendono lo stesso colore che si vede (a tratti proprio “oro”) una volta applicati… o meglio sono colori molto luminosi e glitterosi, ma non li definirei dorati ecco.

In linea generale considero Collistar una buona marca, considerando che è venduta in quasi tutte le profumerie e che è quella che sicuramente va più incontro, nel rapporto qualità/prezzo, alle ragazze molto giovani e a chi, comunque, non ha la possibilità/la voglia di investire in prodotti cosmetici di marca.

Si tratta di un’azienda italiana che produce in italia e che ha sede a Milano.

Di questa serie posso mostrarvi 3 colori, due me li ha regalati un’amica che lavora in profumeria, quindi sono tester, per questo non hanno la confezione come l’altro.

Il verde è più scuro di così e tutti i colori sono molto più squillanti, purtroppo la mia reflex non può fare i miracoli, specie in una giornata molto nuvola…

La scadenza è fissata a 18 mesi, il prezzo va dai 10 ai 15 euro, i numeri che vedete in foto sono i numeri dei tre rispettivi colori.

In conclusione:

La valutazione che do a questi ombretti è di 3 stelle: sono buoni prodotti, ma Kiko ha ombretti cotti utilizzabili sia bagnati che asciutti che costano meno di 6 euro e rendono un colore migliore e pieni di sfumature di colori diversi, quindi per il rapporto qualità/prezzo li batte.

Come sempre spero di esservi stata utile e vi saluto ^^
Buona serata e alla prossima!

Des

Neve makeup ombretto minerale

Neve makeup ombretto minerale

Gli ombretti neve makeup che ho scelto sono tutti in versione sample, perchè secondo me ce n’è abbastanza per un bel po’, i colori ovviamente non sono tutti qui e vi rimando al loro sito se siete curiose di vederli tutti 😉

I colori di cui parlerò in questa review sono:

  • Vanillina
  • Audrey
  • Sirenetta
  • Costa smeralda
  • Oro Lilla
  • Monsoon
  • Occhi di gatto

Tutti questi ombretti sono minerali, hanno scadenza a 12 mesi dall’apertura e sono made in Italy per Neve Cosmetics s.a.s. con sede a Moncalieri (Torino).

Ed ecco gli swatch:

Sono stati applicati così come sono, senza base, senza nebbia fissante/fix+/acqua termale, additivi che ovviamente ne amplificano colore e riflessi.

Vanillina è realmente molto chiara, si confonde sulla pelle, infatti è l’ombretto che uso per sfumare i colori scuri, svolge lo stesso lavoro del Vanilla di Mac, non sto dicendo che il colore è identico perchè non ho il vanilla qui per confrontarlo, ma insomma serve a sfumare i colori, non da luce, è totalmente mat perchè non ha pagliuzze e non è giallino come sembra, una volta steso diventa beige chiarissimo, perfetto per sfumare.

INCI di vanillina:
Mica, Titanium Dioxide, Iron Oxides, Ultramarine Blue/Violet

Il secondo colore è Audrey, che purtroppo in foto non rende come potrebbe:
si tratta di un color marrone freddo con un sacco di stupendi riflessi sull’oro e l’argento, non è ovviamente mat, risulta molto luminoso e allo stesso tempo pigmentato.

Il terzo colore è uno dei miei due preferiti in assoluto e si chiama Costa Smeralda: uno stupendo verde smeraldo scriventissimo con riflessi anche qui argento… ne basta davvero pochissimo per creare un effetto drammatico stupendo per la sera, ben sfumato.

Il quarto colore è sempre un verde, ma estremamente diverso, si chiama Sirenetta ed è un verde chiarissimo tendente al grigio anch’esso pieno di riflessi e luminoso.

Il quinto colore è un viola deciso, quello del cielo nelle tempeste estive dicono loro ed io mi associo, mi piace molto e si chiama Monsoon… maneggiare con calma, è un colore molto scuro e qui altro che ritocchi alla base se non fate prima gli occhi 😉 Lui è mat, non è luminoso e non ha sbrillucichini di sorta.

Il penultimo colore è l’altro mio preferito in assoluto, si chiama Oro Lilla ed è un pazzesco colore viola chiarissimo tendente al grigio con riflessi dorati, un colore davvero unico perchè alla luce del sole risulta estremamente cangiante e fine.

L’ultimo colore che ho di questi ombretti (per ora :D) è Occhi di Gatto, un nero-carbone che è quanto di più nero io abbia mai visto in fatto di resa cosmetica: lui è IL nero.
Ci si può fare tranquillamente l’eyeliner, lo si può usare per intensificare l’angolo v dell’occhio, per creare uno smokey eyes e così via… certo, quando mi è arrivato mi sono stupita perchè rispetto a tutti gli altri samples conteneva molta meno polvere, sarà perchè il suo inci è diverso in quantità di ingredienti rispetto agli altri? A voi risulta la stessa quantità? Beh insomma di fatto però basta usarne talmente poco per rendere tutto nero che sarebbe un suicidio comunque usarne più di una puntina quindi penso che mi durerà davvero parecchio.

In conclusione:

Sono tutti colori stupendi, penso che prima o poi ordinerò anche quelli che “mi mancano”, visto che il fatto di ordinare i samples al posto delle confezioni grandi si è rivelata una tattica vincente: nei samples c’è comunque moltissimo prodotto 😉 e il prezzo è di 3,90 euro l’uno.
Le stelline qui sono 5 per forza: inci ottimi, reperibilità solo su internet ma io come sapete non ho nessun problema ad utilizzarlo :D, scrivenza ottima e gamma di colori splendida… cosa chiedere di più?
Unico appunto, che butto lì perchè sinceramente non ho ancora capito appieno questa storia: pare che truccominerale/neve makeup in realtà venda prodotti uguali a quelli di un’altra ditta di trucco minerale tedesca che ha prezzi minori… se ne sapete di più informateMi ed informateCi qui sotto nei commenti, grazie mille!

Spero di esservi stata utile, un bacione!
Alla prossima!

Des