Come asciugare i capelli ricci

Mantenere i capelli ricci non è facile. Secondo alcuni esperti infatti, i ricci hanno bisogno di essere più curati rispetto ai capelli lisci. In effetti, per mantenere i boccoli o i capelli mossi, gretti ecc, c’è bisogno di definirli e asciugarli in un certo modo. Esistono vari tipi di asciugatura che si possono realizzare: quella che prevede il solo uso del phon, quella con il diffusore, il “plopping”, il “clipping”.
Ricordatevi anche di mettere alcuni prodotti sulla vostra chioma, per mantenere l’effetto riccio.

Asciugare i capelli ricci: i consigli utili

Esistono alcune accortezze da seguire se volete ottenere dei ricci perfetti: il tutto sta nel fare attenzione a come avviene l’asciugatura. Prima di tutto, dovete ricordarvi di farla a testa in giù. Prima di utilizzare il phon però, meglio che tamponiate le varie ciocche con un asciugamano, così da eliminare l’acqua in eccesso. Oltre all’asciugacapelli, come spiegato in questo articolo dovete però usare anche il diffusore. Questo è un oggetto dalla forma di dischetto circolare che deve essere messo sul phon e incastrato bene al suo interno, in modo che non si muoverà mentre lo state usando. Il diffusore va passato tra le diverse ciocche sempre a testa in giù e possibilmente dalla parte inferiore dei capelli fino a quella superiore. Per asciugare al meglio i ricci però e mantenere la loro forma, dovete cercare di passare il diffusore seguendo il movimento delle ondulazioni naturali. Inoltre cercate di mettere una ciocca singola nello strumento, e solo dopo che si sarà asciugata, allora procederete con la successiva.
Questi vari step devono essere seguiti sia se avete dei ricci molto piccoli, sia se avete dei capelli gretti o pieni di boccoli. Per quanto riguarda questi ultimi però, c’è un altro accorgimento che potete seguire. Nel caso vogliate un riccio dall’effetto ondulato meno evidente, cercate di lasciare le punte bagnate: dato che queste peseranno perché al loro interno sarà presente ancora un po’ d’acqua, si creerà quell’effetto “a molla”, tipico di un bel boccolo.

Altri accorgimenti

Se decidete di usare il diffusore, allora regolatelo ad una temperatura bassa e successivamente, una volta finito di passarlo per ogni ciocca della vostra chioma, fate anche un’ennesima passata con aria fredda. Questo servirà per fissare la temperatura. Se poi, dopo aver lavato i capelli, la forma dei ricci fosse molto rovinata, allora dopo aver tamponato con l’asciugamano dovete utilizzare spuma o gel, facendo con le dita la forma di una molla. Solo dopo, dovrete passare il diffusore.
Nel caso non abbiate modo di utilizzare questo oggetto, e avete solo il phon, allora cercate il più possibile di svolgere la stessa procedura, cioè tamponate, mettete spuma, asciugate. L’unica differenza è che il phon non dovrà essere messo a contatto con la ciocca, o si rischia solo di bruciare i capelli. Inoltre meglio che utilizziate aria fredda: questo può essere utile sempre a prevenire la seccatura della fibra capillare, dato che il phon non ha la stessa funzione termoregolatrice del diffusore. Mentre quest’ultimo infatti è in grado di distribuire il calore in modo uniforme al capello, l’asciugacapelli no. Se proprio dovete usare il secondo, allora scegliete di acquistarne uno a ioni e in ceramica, perché grazie alla sua particolare tecnologia avanzata, danneggia di meno il capello, rispetto ai classici phon casalinghi.
Tra le altre tecniche di asciugatura dei capelli ricci, c’è anche chi segue quella del “plopping”. Questo buffo nome indica un metodo molto facile da eseguire. Basterà avere i capelli ricci e bagnati, e utilizzare una maglietta di cotone oppure un panno morbido, avvolgerlo intorno alla chioma in modo che nessuna ciocca ne esca al di fuori, e poi chiuderlo a forma di turbante sopra la testa. Se rimarrete così per un’ora circa, i ricci saranno più definiti. Una volta passato quest’arco di tempo, sarà comunque necessario ripassare i capelli con il phon o il diffusore, dato che ancora saranno molto umidi. Esiste anche un altro metodo per ottenere un volume ancora più evidente: il “clipping”. Anche in questo caso però, l’uso del diffusore non deve mancare. Mentre lo state utilizzando infatti, oppure anche prima di accenderlo, dovrete utilizzare delle “clip” cioè una sorta di mollettine in acciaio, con cui dovrete mantenere alzate alcune parti della chioma. Essendo rialzate ed asciugandole in questo modo, ecco che i ricci saranno ancora più evidenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *