admin 17 febbraio 2018

Un buon make-up senza la luce perfetta, è impossibile, e questo lo dimostrano i professionisti che, lo avrete visto sicuramente, hanno sempre a disposizione una postazione con un’illuminazione ben specifica. Anche in questo caso, però,  l’illuminazione non è proprio ottimale, poiché alcuni utilizzano ancora vecchi sistemi che rilasciano una luce che “falsa” i colori del trucco.

Il 50% del lavoro tocca alla luce

La luce della postazione trucco deve permettere di vedere perfettamente i difetti della pelle, così come la colorazione, le tonalità del trucco e qualsiasi piccolo particolare. Inoltre deve essere uniforme e non illuminare un lato piuttosto che l’altro, per evitare un make-up irregolare, in particolare se ci si trucca da sole.

Quindi quale deve essere la luce ideale per il trucco? Sicuramente sono adatti i LED a luce calda o naturale (dai 3300 ai 5300 K). Questa è la luce migliore per evitare alterazione di colore, ma nello stesso tempo è intensa, illumina bene tutto il viso, non crea zone d’ombra, non abbaglia e non altera la visione.

I particolari della luce

Per prima cosa bisogna posizionare le luci su entrambe i lati del viso, senza lasciare troppo spazio tra una e l’altra. In questo caso si possono utilizzare le strisce led che trovate qui, visto che sono già predisposte come distanza e sono facili dia installare grazie alla parte adesiva. Vi basterà prendere uno specchio qualsiasi, incollare su tutti i lati le strisce Led e avrete già la vostra postazione trucco pronta e a basso consumo. In questo modo, con poca spesa, avrete un risultato ottimo che vi permetterà un’illuminazione a prova di make-up perché illumina tutti i lati uniformemente.

Evitate i neon che hanno una luce troppo fredda e fanno apparire i colori troppo chiari: in questo modo tenderete a caricare in modo eccessivo i colori, in particolare il fondo. La luce deve essere chiana, “illuminante” ma non deve abbagliare, costringendovi a stringere gli occhi.

Una volta si utilizzavano molto i faretti per le postazioni trucco, ma creavano diverse problematiche, in primis il calore che, tra l’altro, creava problemi col trucco che tendeva a sciogliersi  trasformando il make-up in una vera tortura.

Luce LED, la migliore soluzione

Qualcuno, erroneamente, pensa che le luci a LED si riscaldino. Parliamo di un’illuminazione completamente fredda e, anche se resta attiva ore o giorni interi, non emetterà mai calore, quindi adatta alle sessioni di trucco, eliminando il fastidioso problema che creavano i faretti. L’illuminazione a LED, inoltre, può variare di intensità: fredda (bianco ghiaccio) neutro (bianco), calda (giallo paglierino molto chiaro). Grazie a questo particolare non si avranno alterazione di colore, problema causato da neon, lampadine a risparmio energetico e tradizionali.

Utilizzando le strisce a LED non è neppure necessario predisporre un impianto elettrico, cosa inevitabile con faretti e lampadine. La comodità di poter posizionare la striscia in qualsiasi luogo con la sola accortezza di avere a disposizione una presa è una soluzione estremamente comoda per creare una postazione trucco fai-da-te senza spendere una follia, cosa che farebbe invidia a qualsiasi professionista del settore.

Altro particolare del LED è la durata. Lampadine e faretti, quando si bruciavano (piuttosto spesso) si dovevano cambiare e ogni volta il colore della luce emessa non era mai uguale agli altri, creando un effetto devastante sul risultato finale del trucco.  I nastri a Led garantiscono una durata di 50.000 ore, quindi anche se le tenete accese 4 ore al giorno potete truccarvi senza problemi per 12.500 giorni, ossia per più di 34 anni. A parte questo, quando cambierete la striscia completa avrete sempre la stessa tonalità di illuminazione, ammesso che tra 34 anni non sia uscita qualche altra novità nel mondo dell’illuminazione.

Leave a comment.

Your email address will not be published. Required fields are marked*