Garnier Ambre Solaire Natural Bronze Latte autoabbronzante viso corpo


Avendo ormai praticamente terminato la mia confezione di Garnier Ambre Solaire Natural Bronze latte autoabbronzante, peraltro usando tutti i suoi 150 ml sul viso, penso di potervene parlare ampiamente.


Erano anni che volevo approfondire qui su Trucchi Svelati l'argomento "autoabbronzante", nel tempo ve ne ho parlato solo in occasione della mia recensione del Dior Bronze... è tempo di ampliare a poco a poco l'archivio relativo a questo argomento, considerando la quantità di prodotti testati nel tempo e quelli che tutt'ora uso ed ho in casa!

Garnier Ambre Solaire Natural Bronze è un latte autoabbronzante di fascia media reperibile con facilità nella grande distribuzione. Fa parte della linea Garnier Ambre Solaire, i solari Garnier, all'interno della quale i prodotti si dividono in protezione solare, autoabbronzanti e doposole.

Avverto subito le ragazze ed i ragazzi ipersensibili ai profumi che non si tratta di un prodotto privo di fragranza, anzi il contrario! Sinceramente a me la profumazione di questo latte autoabbronzante piace, trovo che richiami molto quelle delle protezioni solari e dunque l'estate, ma potrebbe non piacere a tutti. Detto questo si tratta di un'emulsione che personalmente non definirei un latte, ma proprio una crema forse non sodissima, dalla texture piacevole e l'assorbimento rapido. 


Il tono dell'abbronzatura lasciata da Garnier Ambre Solaire Natural Bronze non è esattamente freddo, dunque non lo consiglierei a chiunque, ma solo a pelli con sottotoni pesca, beige, giallo, olivastro, tenendo fuori i sottotoni spiccatamente freddi. Non per altro, ma già su di me questo prodotto ha un risultato un pochino artificioso, seppur applicato dopo uno scrub e in strato sottilissimo, lasciato agire e riapplicato un giorno ogni due ad inizio trattamento e via via anche meno frequentemente. Naturalmente chi fa uso di autoabbronzanti, e in genere non ha una pelle scura di natura e/o non ama rovinarla con l'esposizione ai raggi UV, lo fa principalmente per dare un aspetto esteticamente sano al proprio colorito in modo semi-permanente. Proprio per questo motivo un autoabbronzante con sottotono spiccatamente caldo va accordato con il tono della pelle che lo indosserà.

Il grande punto di forza di Garnier Ambre Solaire Natural Bronze, oltre ad un prezzo abbordabile (intorno agli 8€ per 150 ml) e ad una buona reperibilità, è l'assorbimento veloce unito ad un'attenzione particolare alla sensorialità. La pelle, una volta assorbito il prodotto, ha subito un aspetto satinato ed al tatto si presenta più morbida e vellutata. Nonostante la mia pelle sia decisamente sensibile non ho da segnalare alcuna reazione all'autoabbronzante Garnier Ambre Solaire Natural Bronze.

Sottolineo anche in questo articolo che i prodotti autoabbronzanti non agiscono sui melanociti e dunque non incrementano la produzione di melanina se la pelle viene esposta al sole: ciò vuol dire che non costituiscono una barriera protettiva nei confronti dei raggi UV e che , in caso di esposizione solare, è fortemente consigliato applicare sulla pelle una vera protezione. 


Prossimamente pubblicherò qualche altro articolo su altri prodotti autoabbronzanti di varie fasce di prezzo, in modo da arrivare preparatissime alla bella stagione!

Nel complesso questo l'autoabbronzante Garnier Ambre Solaire Natural Bronze mi è piaciuto, all'occasione lo ricomprerei, ma non lo consiglierei a tutte le tonalità di pelle.


 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics