Gli incontri di Abc Cosmetici: Framesi tutto ciò che vorreste sapere sulle colorazioni per capelli!



Buongiorno!
Il post di oggi è dedicato all'incontro con ABC cosmetici e Framesi del 24 Maggio scorso sulle colorazioni per capelli: aspetti tecnici dell'applicazione, trend e collezioni primavera estate, ricerca scientifica, sicurezza e storia delle colorazioni per un pomeriggio di profonda formazione.

Durante questo incontro abbiamo avuto modo di conoscere dal vivo una vera autorità del settore, il Dottor Fabio Franchina, presidente di Framesi, che è stato presidente di Unipro e Colipa.


I nostri relatori, che ci hanno introdotte al complesso e splendido mondo della colorazione:

Viviana Ciampitti, R&D Division Director - ci ha parlato della storia delle colorazioni per capelli, degli aspetti scientifici e tecnici, dei prodotti della gamma Framesi e della sicurezza.

Paolo Rossi, Technical Educational Director - ci ha spiegato come il professionista dovrebbe approcciarsi alla cliente che chiede una colorazione per capelli, valorizzandone al massimo i colori di carnagione ed occhi. Ci ha poi mostrato l'applicazione pratica del prodotto Framcolor Optics sulle nostre colleghe.
Di Patrizia Caldela, Marketing & Corporate Communication division Director, purtroppo, non sono riuscita ad ottenere una foto decente perché la sua parte dell'evento prevedeva presentazioni proiettate a luci spente sui trend di questa primavera estate e sulle tecniche Framesi di colorazione.

Innanzitutto partiamo dall'individuazione delle responsabili del colore naturale dei capelli: si tratta delle melanine, delle quali esistono ben tre tipi:
•la EUMELANINA con tonalità nero-blu
•la TRICOSIDERINA con tonalità rossa
•la FEOMELANINA con tonalità gialla

Questi tre pigmenti, in vari rapporti di quantità e qualità, portano alla formazione delle diverse tonalità naturali dei capelli. Il capello scuro ha evidentemente una grande quantità di pigmento, a seconda del tipo si avranno differenti sfumature. Ad esempio i biondi ramati britannici indicano una maggiore presenza di tricosiderina e feomelanina, i nero-bluastri africani indicano prevalenza di eumelanina ed i biondi chiarissimi delle popolazioni nordiche predominanza di feomelanina, assenza di tricosiderina e scarsissima eumelanina.


La Storia

L'aspetto è sempre stato un mezzo di comunicazione dell'uomo e la capigliatura, nel suo colore o nell'acconciatura, ha contribuito per secoli influendo su superstizione e, addirittura, sulle gerarchie dei gruppi.
Ripercorrendo i miti dell'antichità greca, ad esempio, ritroviamo nelle chiome di Dei ed Eroi forza e virilità. Ancora oggi, comunque, c'è chi crede che il colore dei capelli rispecchi la personalità di chi lo porta... vi ricordano niente "Rosso Malpelo" e "Riccioli d'Oro"?!

Per molti secoli i capelli sono stati tinti con pigmenti di origine vegetale, come l'henné o il mallo di noce, animale, come il rosso cocciniglia ed il rosso porpora, o minerale, come i pettini di piombo intinti nell'aceto dei Greci. A Roma si schiarivano i capelli delle donne ricche con sego e cenere di betulla e a Venezia si stabilì come apice del canone di bellezza il color "tiziano": un biondo rame ottenuto applicando sui capelli una lozione di salnitro e zafferano fatta asciugare al sole.

Naturalmente il risultato spesso non era omogeneo e brillante come quello che conosciamo oggi e qualche tintura era perfino dannosa per la salute.

Fortunatamente a partire dal XIX secolo la chimica ottenne ottimi risultati e nuove molecole di sintesi più affidabili e più stabili si sostituirono a molti dei coloranti di origine naturale.

Attualmente in questi prodotti cosmetici si utilizzano sostanze che producono colorazioni dal risultato molto naturale e riflessato, inoltre severe indagini tossicologiche vengono portate avanti dagli organi preposti alla difesa della salute pubblica sia a livello nazionale che internazionale.

La regolamentazione

La prima regolamentazione del settore cosmetico si è avuta con la Direttiva CEE 76/768 del 27 Luglio 1976 e successive modifiche, che è stata recepita dall’ Italia con la Legge del 1986. L’11 luglio 2013 entrerà in vigore il Regolamento EC 1223 / 2009, all’interno del quale, nell’allegato IV è contenuta la lista positiva dei prodotti destinati a colorare i capelli, e nell’allegato III c’è l’elenco delle sostanze permesse ma soggette a restrizione.

Le tipologie di prodotto

I coloranti per capelli possono essere suddivisi attualmente in tre classi, a seconda del tipo di sostanze coloranti e dalla durata della colorazione sul capello.

Durata,tipologia, livello d’azione:
  • Temporanei, riflessanti, superficie;
  • Semipermanenti, coloranti diretti o riflessanti permanenti, intermedio o semi-profondità;
  • Permanenti, coloranti a ossidazione, profondità.

I COLORANTI TEMPORANEI
(es. Silver Gel - fissativo lucidante - elimina le sfumature paglierine dei capelli bianchi)
Contengono molecole coloranti che si depositano sulla superficie del capello senza penetrare in profondità nella fibra. Donano una nuova sfumatura al colore naturale dei capelli senza cambiarlo. Sono a base di coloranti diretti a basse concentrazioni e si presentano sotto forma di lozione idro-alcoolica o di mousse, entrambe senza risciacquo e più o meno fissative, da applicare durante la messa in piega. Generalmente il pH di questi prodotti è debolmente acido o neutro.

I COLORANTI SEMI-PERMANENTI
(es. Framcolor Optics - coloranti diretti lucidanti)
(es. Framcolor Eclectic - coloranti tono su tono senza ammoniaca)



Contengono molecole coloranti appartenenti a varie classi chimiche che penetrano a vari livelli nella cuticola del capello, modificandone il colore in modo evidente ma non definitivo, cioè semipermanente. Si dividono in 2 classi, a seconda della tipologia del colorante utilizzata:

•Coloranti diretti o
•riflessanti permanenti.

I COLORANTI DIRETTI possono essere sotto forma di shampoo, maschere o mousse, necessitano di un tempo di posa da 5 a 20 minuti per agire e vanno risciacquati. Possono essere sia a pH acido che a pH debolmente alcalino.

I RIFLESSANTI PERMANENTI sono sempre costituiti da 2 prodotti:
•La tintura in crema o in gel
•Il liquido ossidante a bassi volumi di ossigeno
da miscelare insieme al momento dell’uso e da lasciare in posa sulla capigliatura da 20 a 30 minuti prima di essere lavati accuratamente con uno shampoo. La miscela è a pH alcalino. Sono costituiti dagli stessi coloranti caratterizzanti la classe dei ‘Coloranti permanenti ad ossidazione’ vera e propria, utilizzati qui però in concentrazione più bassa e sempre in associazione con il liquido ossidante a bassi volumi di ossigeno. Questo permette di ottenere colorazioni tono su tono, evitando ricrescite troppo evidenti, ed una buona coprenza dei capelli bianchi.

I COLORANTI PERMANENTI A OSSIDAZIONE
(es. Framcolor Glamour - Colorazione semplice da usare ed eco-friendly)
(es. Framcolor 2001 - Colorazione luminosa, durata eccezionale, personalizzabile)
Contengono molecole che penetrano in profondità nella superficie del capello modificando il colore naturale dei capelli in modo sostanziale e duraturo.
Si differenziano dagli altri tipi di colorazione perché necessitano dell’uso abbinato di 2 componenti: la tintura e l’ossidante da miscelare insieme al momento dell’applicazione. Richiedono un tempo di posa medio di circa mezz'ora dopo di che devono essere lavate accuratamente. Queste tinte consentono di coprire perfettamente i capelli bianchi e di realizzare colorazioni più scure o più chiare rispetto al livello naturale dei capelli.

La Sicurezza


Gli Alcalinizzanti

Ammoniaca e monoetanolammina sono gli alcalinizzanti più usati nel settore dei coloranti per capelli e servono a veicolare il colorante all’interno della struttura del capello. 
L’ammoniaca generalmente è più utilizzata nelle tinture professionali mentre la motoetanolammina è più utilizzata nelle tinture fai da te. L’ammoniaca è un gas estremamente volatile, viene utilizzata in soluzione acquosa, ma tende a tornare sotto forma gassosa e per questo viene percepita con un odore poco gradevole appena applicata. La monoetanolammina, invece, è un liquido viscoso ed oleoso sicuramente meno invasivo, che però aderisce maggiormente al capello.
Siccome l'ammoniaca è una molecola più piccola della monoetanolammina permette il passaggio delle sostanze attive entro la struttura del capello ed è per questo preferita dai professionisti.

Dal punto di vista tossicologico l’ammoniaca pur essendo un irritante primario si trova a basse dosi nei prodotti cosmetici, che peraltro vengono applicati su una superficie ridotta e per poco tempo. La monoetanolammina non è un irritante primario, ma appartiene alla classe delle etanolammine, delle quali la legge cosmetica restringe l'uso a due sole. 

Pratica e risultati sulle modelle


Abbiamo poi seguito le fasi di applicazione della colorazione su due modelle a partire dallo studio del colore adatto alla loro carnagione ed ai loro occhi.

Il signor Rossi ci ha mostrato i questionari che Framesi suggerisce come guida ai suoi professionisti della colorazione:


Come potete vedere, tutto parte dall'osservazione e dall'ascolto della cliente e delle sue necessità.



Passando alla presentazione ed applicazione del prodotto il Dott. Franchina ci ha mostrato l'intera linea di Framcolor Optics, mentre si procedeva alla tintura anche di tre nostre colleghe curiose di testare su se stesse il prodotto:




Ci siamo poi lanciati in una sessione di domande e risposte su gravidanza e possibili effetti collaterali delle tinte: la raccomandazione è quella di non cambiare le proprie abitudini cosmetiche in gravidanza e senza il controllo di un medico.


Michela Marra si gode il suo trattamento
Ed ecco il risultato della colorazione sulla modella:



Cosa ne dite?
A me sono piaciuti molto questi trattamenti, ma ho apprezzato in particolar modo la professionalità e completezza con il quale ci sono state esposte tutte le informazioni che oggi vi ho riportato.

Ringrazio Valentina, Unipro con Abc Cosmetici e tutto lo staff e il tempo che ha ancora una volta riservato a migliorare la nostra preparazione e dunque le informazioni che mettiamo a disposizione nei nostri siti, Framesi e il personale che ci ha accolto e ospitato.
Prossimamente parleremo ancora di questo marchio con alcuni prodotti solari dedicati ai capelli e una novità della linea Color Lover!



 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics