Come leggere le etichette dei solari: facciamo chiarezza su alcune cose


Care ragazze: è giunto il momento di parlare, anche qui su Trucchi Svelati, di prodotti solari.
Quest'anno però, prima di provarne e recensirne insieme, voglio proporvi un excursus su come leggere le etichette e come usare al meglio questo tipo di prodotto, grazie agli appunti presi il 30 giugno 2012 in quel di Milano presso la sede Unipro. Siccome le tematiche trattate e le informazioni che, in quell'occasione, ci sono state date sono ancora perfettamente attuali vi propongo un momento di analisi proprio su questo tema poco prima che il sole inizi a fare sul serio!

Fonte info-grafica: sito abc cosmetici
Iniziamo ricapitolando un pochino i vari raggi UV e i loro effetti sulla pelle: spesso ci si illude che, andando al mare per un week-end, il colorito acquistato sia vera abbronzatura. Siccome, però, la melanina impiega circa tre giorni ad essere sintetizzata è chiaro che quel colorito tanto esibito svanirà in breve tempo essendo in realtà il prodotto dell'impatto degli UVA, che danno una pigmentazione immediata non duratura e che sono i principali responsabili del fotoinvecchiamento.
Gli UVB invece sono responsabili di scottature ed eritemi e sono solo il 5% dei raggi che ci "baciano"!
Gli UVC fortunatamente, laddove è ancora intatto, sono filtrati dallo strato di Ozono. Pensate che sono talmente forti da essere usati per la sterilizzazione in quanto capaci di uccidere batteri e germi.

Nelle etichette dei prodotti solari trovate il Sun Protection Factor (SPF) obbligatorio esplicato in numeri che arrivano fino al 50+ e, a discrezione dell'azienda, il Protection grade for Uva (PU) o almeno il simbolino UVA cerchiato che sta ad indicare una protezione UVA pari o maggiore ad almeno 1/3 della protezione SPF.


Fondamentalmente l'abbronzatura non è che un sistema di difesa, perché la melanina riesce a schermare i raggi solari, ma certamente non tutti, dunque è fondamentale per la salute della nostra pelle applicare un prodotto solare adeguato al nostro fototipo, alla durata dell'esposizione prevista, all'orario, al luogo in cui ci troviamo (latitudine e longitudine), alla quantità di melanina che la nostra pelle ha già prodotto nei giorni in cui ci esponiamo al sole.

Non è vero che il prodotto solare smette di funzionare nel giro di un anno, ma se siete molto dediti alle tintarelle è proprio impossibile che un prodotto di questo tipo vi duri più di un'estate, visto che è fondamentale per una corretta protezione applicare una buona dose di prodotto che, tra l'altro, non va applicato massaggiando sino ad assorbimento, anzi! Il cosmetico solare va applicato in uno strato protettivo, in modo da filtrare il più possibile i raggi ultravioletti, prima di esporsi alla luce solare...


...è bene anche riapplicare il prodotto foto-protettivo ogni volta che sudiamo o che lo togliamo dalla pelle con asciugamano o vestiti.

I bambini sotto ai due anni d'età non dovrebbero essere esposti alla luce diretta del sole, men che meno senza solare uniforme e non troppo spalmato, cappellino e maglietta. Sopra i due anni poco per volta il bambino può essere esposto alla luce solare, ma solo durante le ore meno calde e con le importanti protezioni, insegnandogli ad apprezzare in dosi sane il divertimento all'aperto.

Quando la pelle appare arrossata abbiamo già preso fin troppo sole.

Tutti dovremmo incominciare ad esporci al sole con un solare ad SPF da 20/30 in su, per poi scendere gradualmente senza abbassare mai la protezione al di sotto del 10...e, mi raccomando, non esponetevi al sole fra le 12 e le 15!!


Vestiti e vetri (finestrini dell'auto, finestre...) non proteggono, normalmente, dai danni provocati dai raggi UVA, ma solo da quelli dei raggi UVB più corti, questo li rende l'esposizione ancor più dannosa perché non abbiamo nemmeno il "campanello d'allarme" di rossori, pruriti e scottature.

Non dimenticate, poi, un altro fondamentale accessorio di protezione: gli occhiali da sole!! Devono montare lenti protettive di buona qualità, soprattutto quando ci si espone direttamente ai raggi solari.


In conclusione vi segnalo l'applicazione per i-Phone e Android totalmente gratuita firmata UNIPRO e CDV che si chiama "Sole Amico" e che permette di conoscere il proprio fototipo, mettere alla prova le proprie conoscenze sulle protezioni solari tramite un divertente Quiz, essere aggiornati su meteo e protezione UV consigliata per il luogo in cui ci si trova!

Spero di esservi stata utile,
ringrazio molto Unipro ed Abc Cosmetici per le informazioni utilissime e per aver ritenuto importante condividerle con noi Beauty Blogger!

Des

 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics