Allergia al nickel: la mia esperienza e i prodotti che uso e che ho usato


Ciao ragazze/i,
oggi vorrei parlarvi della mia esperienza in fatto di allergia al nickel e soprattutto dei prodotti che uso ancora adesso e di quelli che ho utilizzato in passato prima di passare all'ecobio (mi scuso in anticipo per la lunghezza del post).
Io non sono un medico allergologo, tutto quello che dico deriva dalla mia personale esperienza, ma non si può consigliare qualcosa, in questo frangente, senza vedere la persona a cui ci si rivolge e soprattutto senza conoscere la sua storia clinica.
Quindi quello che scrivo non sono consigli, in questo caso, ma è solo il racconto di ciò che è successo a me e di quali scelte di prodotti ho deciso di fare io in base al mio problema.

Ho fatto un bello sforzo di memoria perché è passato un po' di tempo...i prodotti che uso adesso penso che sappiate quali sono ormai, però era giusto che parlassi anche dei prodotti che ho usato in passato che non erano ecobio per quelle ragazze che appunto hanno scoperto di essere allergiche e cercano prodotti tradizionali che non diano reazioni.
Vi ricordo che io sono allergica anche al Kathon che è una miscela di conservanti molto noti presenti in praticamente tutti i detersivi, detergenti, shampoo, balsamo, creme e alcuni prodotti di make-up tradizionale.

Come si diagnostica l'allergia al nickel?
Dunque, ci si accorge anche da soli di essere allergici al nickel soprattutto per dermatiti da contatto che danno prurito e pustolette e che spuntano in seguito ad avere indossato orecchini di bigiotteria o se la pelle è a diretto contatto con polsini di orologio di metallo, fibbie di cinture, bottoni dei jeans ma anche pinzette di metallo per la depilazione delle sopracciglia e se la situazione rientra allontanando questi oggetti dalla cute.
Tuttavia per essere sicuri davvero dell'allergia al nickel o per sapere se per caso siano coinvolti altri allergeni è necessario fare il Patch Test.

Il Patch Test è un esame assolutamente non invasivo che si effettua in ospedali pubblici al prezzo di ticket normale, che serve appunto per diagnosticare le reazioni allergiche di tipo IV (allergie da contatto) individuando l'allergene specifico. Si può fare in ogni momento ed è un test che ha la durata di tre giorni totali: il primo giorno vengono posti sulla schiena del soggetto delle gocce di allergeni sintetici creati in modo ricombinante in laboratorio che danno fastidio alla maggior parte della popolazione, dopo di che il tutto viene ricoperto con un cerotto molto grande.
Il giorno dopo viene tolto il cerotto e si guarda in corrispondenza di quale goccia di allergene è spuntato un ponfo indice di una allergia da contatto; il terzo giorno si guarda se sono spuntanti altri ponfi per una reazione ritardata dovuta ad un'esposizione prolungata e relativa sensibilizzazione.
Guardando la grandezza del ponfo e l'estensione della reazione si scrive il referto dove si indica la reattività ad ogni allergene con il segno "+" in quantità proporzionale alla gravità dell'allergia: sul mio referto c'era scritto nickel + e kathon ++.

Per esperienza personale posso sconsigliarvi di fare questo test in estate, se possibile, perché non bisogna sudare e non bisogna indossare il reggiseno questo per evitare in ogni modo che il cerotto si stacchi andando quindi ad inficiare la validità dell'analisi.

Di grande importanza è anche comunicare al personale se si è notata una reazione particolare in seguito all'uso di un particolare prodotto e al limite si può anche portarselo dietro in ospedale, inoltre è fondamentale soprattutto tra il primo e il secondo giorno non grattarsi qualora spuntassero dei ponfi!



In cosa è contenuto il nickel?
Il nickel è ovunque e non è un qualcosa di cui aver paura perché è vero che è un metallo pesante ma è anche normalmente contenuto in diversi alimenti in natura. Non è raro avere delle manifestazioni allergiche anche in seguito alla sola ingestione di alimenti che per loro natura contengono molto nickel: nel mio caso ho avuto delle dermatiti sempre sulle mani, o comunque un peggioramento di quella che avevo già, in seguito all'ingestione di cibi contenenti nickel ma appena ho allontanato i prodotti di cosmesi e i detersivi ho potuto mangiare tranquillamente tutto quanto. Non è stato necessario quindi eliminare alimenti, nel mio caso.
Quindi, non mettetevi a dieta a caso aspettate che ve lo dica chi è davvero competente dopo esami accurati di laboratorio.

Cosa consigliano i dottori?
I dottori con i quali ho interagito io in merito a questa allergia mi hanno consigliato di utilizzare come prodotti per l'igiene personale, per la cosmesi in generale e make-up quelli del brand Bionike venduto da anni in farmacia e sicuramente affidabile anche per altre situazioni perché privi di glutine. La Bionike è una marca molto seria a mio parere e i prezzi sono abbastanza modesti per quanto riguarda i prodotti della cosmesi, ma per quanto riguarda shampoo e bagnodoccia sono piuttosto cari: quando sono andata in farmacia per sostituire i miei prodotti abituali con prodotti Bionike mi è andato bene spendere € 11,00 per un latte detergente ma spendere € 12,00 per uno shampoo doccia da 200 ml mi è sembrato esagerato.
Siccome sono una testona ho iniziato a informarmi su eventuali prodotti alternativi ed è stato proprio in questo frangente che ho incominciato ad interessarmi alla cosmesi ecobio.

                                 Che prodotti ho utilizzato?
I prodotti di cui parlerò tra poco sono andati bene per il mio tipo di pelle e per il mio tipo di allergia che ha, come vi ho detto prima un solo +, ed è prettamente da contatto.
Dunque, io in passato ho sempre usato prodotti da supermercato classici più qualcosa di profumeria visto che ho una zia che ci lavora e spesso mi regala campioncini, ma diciamo che per la routine di corpo, capelli e viso ho sempre usato prodotti classici della grande distribuzione; per quanto riguarda il make-up non mi sono mai truccata un granché in passato e quel poco era stato acquistato in profumeria. Dopo la diagnosi delle allergie ho dovuto cambiare tutta le mia routine ed è stata una lunga ricerca:

Prodotti detergenza corpo:
  • Saponette solide de I Provenzali, ma anche quelle di Acqua&Sapone (marca interna del negozio) di tutti i gusti e profumi e le uso ancora adesso. Attualmente sto utilizzando anche il sapone fatto in casa da mio papà: le saponette solide mi hanno dato parecchi vantaggi perché non contengono il kathon e inoltre nello specifico quelle che vi ho menzionato sono testate contro i metalli pesanti tra cui il nickel! Per quanto riguarda il sapone artigianale sappiamo cosa ci mettiamo dentro quindi è più che ok. Ad un certo punto ho provato ad usare il Dove bagnodoccia perché lo avevo in casa, ma mi ero ricoperta di brigole da tutte le parti quindi ho lasciato perdere.
Prodotti idratazione corpo: ho usato sempre creme e burri corpo di Bottega verde con i quali mi sono trovata bene.

Prodotti capelli:
  • Shampoo solido Godiva di Lush: quando ho scoperto delle allergie ho preso ben due confezioni (furba eh?) di questo prodotto pensando di fare una cosa giusta, ma è stato peggio che andar di notte, come si dice...non ho avuto forfora, prurito ecc ma i capelli erano tremendi e li avevo dovuti tagliare parecchio perché si erano seccati molto.
  • Shampoo restitutivo di CollistarMaschera idratante della stessa linea, ma a lungo andare i risultati non mi hanno convinta.
  • Maschera Capelli d'angelo di Lush: non mi sono trovata per niente bene.
...e da qui, piuttosto scoraggiata e stufa di ottenere pessimi risultati, ho iniziato ad usare prodotti ecobio sui capelli e sto felicemente continuando tutt'ora.

Prodotti mani: siccome la dermatite da contatto dovuta a nickel e kathon si sfogava sulle mani dovevo stare molto attenta a ciò che usavo...
  • Crema barriera Vicutix: non mi ha dato nessun beneficio.
  • Crema alla camomilla di Palmolive: mi ha fatto riempire di bolle.
  • Crema idratante Nivea nella latta blu: non ha idratato realmente la mia pelle.
  • Crema mani Dove: mi dava prurito.
  • Prodotti Bottega verde: mi sono trovata bene sia con la Crema mani alle mandorle sia con la Crema mela e spezie.

Prodotti viso:
  • prodotti Clinique: questi prodotti sulla mia pelle non hanno dato risultati positivi, nonostante mia zia me li avesse consigliati in tutte le salse (Clinique è la marca che in profumeria si consiglia a chi è allergico) io proprio non mi ci sentivo e ho avuto anche diversi problemi. Ho provato il Liquid facial soap mild come detergente viso e la pelle mi si era arrossata a chiazze molto grandi, il Tonico rosa delle 3 fasi ma anche qui la pelle l'ha rigettato completamente e infine la Crema Dramatically Different Moisturizing Lotion che mi ha fatto addirittura gonfiare gli occhi... evidentemente non andrebbero consigliati a chi è allergico, ma a chi vuole evitare allergie, concetto molto differente!
  • prodotti Bionike: secondo me sono davvero ottimi: ho preso il Latte detergente della linea Defence con cui mi sono trovata davvero bene ed adesso ho lo Stick 50+ della linea Sun con cui mi trovo bene però non è troppo adatto secondo me a delle macchie cutanee ma più alle labbra.
  • prodotti Lierac: ho provato una Crema multivitaminica con cui mi ero trovata bene (non credo la facciano più perché sul sito non la trovo) e un kit full size di un Gel demaquillante + Tonico purificante con cui mi sono trovata bene perché non ho avuto reazioni, ma li ho trovati un pochino aggressivi.
  • prodotti La roche-posay: ho utilizzato lo struccante bifasico Respectissime con cui mi sono trovata molto bene, davvero molto delicato.
  • prodotti Collistar: questa è la marca della quale ho acquistato forse più prodotti quando non usavo ancora prodotti ecobio...ho provato il Latte multivitaminico struccante viso e occhi, il Gel esfoliante multivitaminico, la Lozione tonica equilibrante no alcol, il Fluido-gel seboequilibrante energizzante oil-free, la Maschera di idratazione profonda, la Crema gel tonificante contorno occhi e lo Struccante bifasico. Con tutti questi prodotti mi sono trovata davvero molto bene, non ho avuto nessuna reazione strana e sgradevole, li ho acquistati praticamente tutti nei saldi e il prezzo è davvero ragionevole rispetto ad altri prodotti di profumeria, inoltre mi hanno detto che Collistar prima aveva un altro nome e veniva venduta in farmacia... voce da verificare, ma credibile.
  • prodotti Lush: ho usato lo Scrub Diavoli a fior di pelle che non mi ha dato reazioni strane tranne che ultimamente, ma probabilmente era andato a male...e poi ho preso la Maschera fresca Cosmetic warrior (che fa una puzza pazzesca) con cui mi sono trovata bene.
  • prodotti Nivea: ho provato sia il Latte detergente azzurro che lo Struccante occhi e labbra delicato per il quale ho dovuto smettere di portare le lenti a contatto per una settimana circa perché mi aveva irritato troppo gli occhi!!
  • prodotti Garnier: ho provato sia il Latte detergente che il Tonico con le confezioni verdi sia lo Struccante occhi e mi sono trovata abbastanza bene.
Per quanto riguarda il make-up mi sono praticamente sempre affidata a Collistar sia per quanto riguarda correttori, mascara e terra abbronzante sia per gli ombretti e anche lì non ho avuto reazioni. Ho preso anche un mascara di Bionike con cui mi sono trovata benissimo e un correttore della stessa linea che però non mi è piaciuto per l'effetto. Altri prodotti che non mi hanno mai dato fastidio sono i prodotti della Kiko.

Prodotti di make-up che mi hanno dato proprio fastidio sono stati un ombretto in crema in tubetto di Essence e un mascara di Freulein che mi hanno fatto bruciare e prudere la palpebra.

Il motivo per cui poi ho deciso di passare all'ecobio è perché la mia pelle e i miei capelli non sopportavano più prodotti con i siliconi e ho visto che provando ad utilizzare altri prodotti gli effetti sono stati più che positivi e non tornerei indietro.
Si può dire che con questi prodotti io abbia trovato la mia pace cosmetica!
Con questo non voglio dire che dovete per forza usare prodotti ecobio se siete allergiche (quella è una scelta più che personale!) volevo solo farvi capire che non esistono solo le marche da farmacia ecco...ci si può guardare intorno l'importante è non sollecitare inutimente la pelle con allergeni che sappiamo che ci danno fastidio!

Il mio consiglio è proprio quello di NON trascurarvi (questo vale per capelli, trucco ecc) ma anche per le allergie da contatto che non sono certo un male incurabile anzi sono davvero poca cosa e siccome ci si accorge anche da soli di averle spesso si cade nell'errore di farsi una autodiagnosi peccando di leggerezza: una dermatite da contatto banale continuamente sollecitata con l'allergene in questione aumenta la sensibilizzazione del soggetto che finisce per reagire in modo spropositato anche ad altre sostanze con le quali prima era tranquillamente a contatto impegnando il sistema immunitario in modo davvero inutile!

Se c'è una cosa giusta da fare è quindi tenersi controllati senza ansie logicamente, allo scopo di individuare la vera sostanza colpevole e quindi allontanarla per evitare di incorrere in allergie da contatto ben più gravi. 

Quindi prendete le vostre precauzioni prima tra tutte quella di usare i guanti per fare i lavori in casa o di coprirsi bene quando si va a tagliare l'erba in giardino per evitare il contatto con l'erba (altro allergene da contatto) e per comprare i vostri prodotti andate in farmacia per andare sul sicuro oppure se siete curiose scandagliate le varie possibilità presenti nell'immenso oceano del mercato cosmetico!

Molto spesso le reazioni sono soggettive soprattutto per le reazioni di tipo IV che non sono automatiche come le reazioni di tipo I e II ma hanno bisogno di tempo per manifestarsi e di un periodo abbastanza lungo di esposizione all'allergene!
Ci sono ragazze allergiche al nickel che non possono portare l'orologio o orecchini, ma tagliano tranquillamente a mani nude i pomodori, oppure ragazze che possono usare qualsiasi crema ma non possono mangiare gli alimenti che contengono nickel...è diverso da persona a persona, davvero.

Sicuramente mi sarò dimenticata qualcosa...va beh se avete domande le aspetto!

Spero di esservi stata utile

Chicuta

 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics