I Fondamentali: la matita nera



Ricominciamo a parlare di cose basilari, ma non banali!, del make-up parlando di matita nera: quali sono le caratteristiche che possiamo ricercare, come sfruttarla al massimo e una selezione di 7 matite di marche e costi differenti per farsi un'idea pratica del tutto.

Partiamo con un fattore immediatamente visibile nel confronto diretto di una matita con un'altra: l'intensità del nero.

Ovviamente, dal momento che vogliamo acquistare una matita nera, il fattore intensità non può che essere rilevante. Guardate come spiccano, in questa foto, la matita M (Maybelline) e la matita P (Pupa)!
La meno intensa, invece, è nettamente la MUFE (Make Up For Ever), la più costosa del gruppo.


Questo particolare ci porta ad una riflessione sul secondo fattore rilevante nell'acquisto della nostra matita nera: la sua sfumabilità. Naturalmente esistono molti utilizzi per un prodotto così versatile, uno di essi è senz'altro la linea sfumata alla base delle ciglia, inferiori o superiori che siano. Come per l'intensità possiamo facilmente verificare questa qualità in negozio, semplicemente passando la versione tester della matita sul dorso della nostra mano per poi sfumare la linea con il mignolo, delicatamente.
Se la linea fatta si sfuma bene e non appare più nulla di netto il risultato è ottimale.


Un'altra caratteristica importante è la scrivenza nella rima interna dell'occhio. Per quanto riguarda questo punto è scontato dire che la mina della matita dev'essere morbida e non troppo appuntita, attenzione però all'eccessiva morbidezza: in quel caso probabilmente la nostra riga interna all'occhio sbaverà dopo poche ore (se non pochi minuti!). Per verificare che una matita sia in grado di scrivere nella rima interna consiglio primariamente di non prendere nemmeno in considerazione matite dal tratto poco scrivente. Non usate mai matite vecchie all'interno dell'occhio ed evitate anche quelle con i brillantini che potrebbero darvi seri fastidi.



Estistono matite nere di marche naturali certificate per la loro biologicità, una di queste è la matita di Benecos che vedete in foto qui sopra, un altro esempio è la matita Minerale Puro che vedete qui sotto. Entrambe si sfumano bene e resistono a lungo: se avete occhi sensibili e allergici è possibile (attenzione: non è certo! occorrerà testare la matita fuori dall'occhio prima di avventurarsi ad applicarla dentro!) che questi prodotti per voi siano più indicati dei prodotti tradizionali dagli ingredienti di origine sintetica.














Quando scegliete una matita nera fatelo avendo già in mente grossomodo a cosa vi servirà: volete usarla per contornare l'occhio? Va bene che non sia troppo morbida nè eccessivamente scrivente. Volete usarla come base o semplicemente metterla all'attaccatura delle ciglia e sfumarla? Dev'essere facile da sfumare o tenderete troppo la delicata pelle dell'occhio! Ne volete una da usare come eyeliner? Che sia ben scrivente ed abbia una mina un po' più dura: ben temperata farà ottime e precise righe. Volete usarla dentro l'occhio per sottolineare lo sguardo? Inevitabile la delicatezza di una mina morbida, ma che non sbavi troppo!

Come dicevamo all'inizio di questo post... la matita nera è basilare, non banale! Occorre sceglierla con attenzione ;)

Alla prossima,

 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics