Shampoo con balsamo nutriente Fissan Baby - Vari metodi per lavare i pennelli


Lo shampoo salva pennelli!
-breve riassunto dei metodi conosciuti per lavare i pennelli-


Tutte noi makeup-addicted sappiamo bene che sarebbe buona norma lavare i propri pennelli con shampoo delicati formulati appositamente per i bambini, meglio ancora se arricchiti con balsamo. Molti marchi cosmetici produttori di pennelli lo scrivono sui loro siti e sulle loro cartoline di presentazione, uno su tutti Sigma.
Eppure poche di noi usano effettivamente shampoo per bimbi e quando li usano cadono nella trappola Johnsoniana... risaputamente quanto di meno delicato ci sia in giro, in grado di scatenare forti reazioni dermatologiche perfino in individui adulti!

I metodi di lavaggio pennelli visti in rete sono davvero moltissimi, riassumendoli un po':
  • c'è chi li lava con l'uso di olii o di uova miste ad olio,
  • c'è chi li lava con detergenti a base alcoolica fatti in casa,
  • c'è chi li lava con il detergente intimo,
  • chi non si fida di nulla che non sia prodotto dalla stessa casa produttrice dei pennelli stessi,
  • chi lava quelli a setole sintetiche con la saponetta al karitè dei provenzali,
  • chi lava ancora con acqua e sapone per le mani misto a sapone per lavare i piatti!,
  • e c'è chi li lava con gli shampoo solidi di Lush.
Io personalmente ho provato quasi tutti questi metodi e se posso darvene un breve giudizio:
  • non mi attira, troppo laborioso,
  • provato... lo sconsiglio caldamente, è il metodo che fa perdere più colore e peli in assoluto,
  • provato, secondo me non è il massimo come smacchiante, per non parlare del fatto che il detergente intimo per ragioni di forza maggiore (flora vaginale, composta di batteri preziosissimi per la prevenzione delle malattie) non può essere antibatterico -ok, ho visto ultimamente lo spot di un detergente intimo con antibatterico... sarà sicuramente pensato per situazioni particolari-,
  • provato...saranno anche buoni detergenti, ma costano troppo e non vedo grandi differenze con altri metodi decisamente più economici,
  • provato...questo funziona, anche se solo con i pennelli a setole sintetiche possibilmente piatte, non mi azzardo a lavarci i pennelli di setole naturali per timore che sia troppo aggressivo,
  • non ci penso proprio, non ho speso tutti quei soldi per trattare i miei pennelli come stracci!,
  • funziona bene, ma anche qui non mi azzardo a lavare i miei pennelli Mac, per intenderci, il timore è che li secchi troppo.

Ho provato vari tipi di shampoo per pennelli, fra i quali quello Sephora, quello Elf, quello Kiko... Dovendo scegliere il migliore fra questi sicuramente vincerebbe quello Elf, che ha un prezzo di 4 euro, ma che è anche davvero molto piccolo. La qualità migliore dell'Elf sta nell'antibatterico che c'è dentro, difatti lo uso per un lavaggio ogni due o tre con lo shampoo di cui vi parlerò tra poco.

Esistono, inoltre, due tipi di detergenti diversi: c'è il detergente per il lavaggio settimanale e lo spray utile per pulire i pennelli dai colori usati velocemente anche durante il nostro makeup.

Per quanto riguarda la pulizia infrasettimanale veloce si parla di spray a contenuto parzialmente alcoolico utilissimi per pulire i pennelli appena prima di usarli: qui l'alcool è ciò che ci permette di vederli asciugare in pochissimo tempo dopo averli puliti delicatamente su un fazzolettino di carta. Di questa categoria se volete la mia opinione ed esperienza vi stra consiglio quello Elf, che a differenza del fratellino shampoo è decisamente più grande eppure costa comunque 4€.

Nonostante tutte le nostre attenzioni alcuni pennelli perdono molto colore durante i lavaggi... lamentandocene con le amiche scopriamo che i loro, stessa marca e numero, non lo fanno.
Perchè? Che sia il detergente usato??

La verità sta nel mezzo: il detergente usato fa molto, ma anche la qualità di partenza del pennello è da valutare. Però se non acquistate pennelli orrendi ecco una dritta per aiutare un pennello di medio-alta qualità a tornare al candore iniziale.

Lo shampoo che aiuta a stoppare la decolorazione dei pennelli

Si chiama Shampoo con Balsamo Nutriente ed è della Fissan Baby.
Si tratta di uno shampoo formulato appositamente per sgrassare con delicatezza la cute e i capelli dei più piccoli, la base avante è molto delicata. Per gli adulti che non abbiano una pelle molto secca si tratta di un prodotto troppo delicato: forfora o capelli indeboliti che cadono possono essere causati anche dai batteri che proliferano in seguito a lavaggi troppo delicati e poco sgrassanti.
Contiene, oltre allo shampoo delicato, un'emulsione di olio di jojoba, che prende il nome di "Balsamo nutriente".

In prima persona non so se userei questo prodotto su un neonato, ma su un bambino direi di sì.

Ecco l'INCI:

AQUA solvente
COCAMIDOPROPYL BETAINE tensioattivo
COCO-GLUCOSIDE tensioattivo
SODIUM LAURETH SULFATE tensioattivo
SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL PARFUM
CITRIC ACID agente tampone / sequestrante
POLYQUATERNIUM-6 antistatico / filmante
STYRENE/ACRYLATES COPOLYMER opacizzante
PEG-120 METHYL GLUCOSE DIOLEATE emulsionante
TETRASODIUM EDTA sequestrante
SODIUM LACTATE agente tampone / umettante
SODIUM HYDROXIDE agente tampone / denaturante
SODIUM BENZOATE preservante


400 ml PAO 12 mesi

(ricordo che il biodizionario valuta le sostanze "rosse" non solo perchè dannose all'organismo ma anche, in alcuni casi, perchè inquinanti)


Non totalmente verde, ma comunque non male, se confrontato con molti altri shampoo per bambini.

Prezzo? Poco più/poco meno (a seconda del pdv) di 3 euro per appunto ben 400 ml di prodotto.

Cosa fa questo shampoo di speciale nel lavaggio dei nostri pennelli?

Oltre a pulirli a fondo e lasciarli morbidi e profumati questo shampoo con olio di jojoba evidentemente risulta moolto meno aggressivo di tutti gli altri metodi elencati sopra perchè di fatto ha stoppato la perdita di color inchiostro dal pennello duo fibre di sephora che vi avevo mostrato qui e usandolo non ho mai avuto perdite di colore in nessun pennello.

Come lo utilizzo in versione "estrema"

Per stoppare una perdita di colore consistente io lavo il pennello due volte con una dose normale di questo shampoo, ogni volta accarezzandolo non troppo delicatamente (ma neanche troppo energicamente) sul palmo della mano a secco, ovvero girando il pennello nello shampoo senza acqua, dopo un po' di giri ne aggiungo pochissima facendo fare un po' di schiuma per poi lavarla via dopo aver aggiunto ancora un po' d'acqua e aver lasciato almeno 30 secondi il pennello a tu per tu con il suo buon olio di jojoba.

Nei situazioni normali, in assenza di perdite di colore, non lavo mai due volte lo stesso pennello di seguito, per quanto possa essere delicato è comunque un detergente.

Spero di esservi stata utile ^^
Un bacione!

Des


ps sull'argomento -antibatterico- ci sarebbero da dire molte cose, ad esempio il dato di fatto di una selezione massiva dei batteri più resistenti dovuta al sempre più vasto e sconsiderato impiego di antibatterici anche laddove assolutamente non necessari.
Fa ridere vedere pubblicità di mamme che sorridono del rotolarsi della prole sul pavimento dopo aver selezionato i batteri più cattivi in circolazione lavando a terra con antibatterico per anni... i batteri si adattano per selezione naturale a queste nostre stupide ossessioni, diventando sempre più resistenti ai nostri antibiotici, tanto per dirne una... Ma non vorrei tediarvi con discorsi che con l'argomento principale di questo post c'entrano poco.

Buona domenica!!

 

Des su Instagram

Licensing

Licenza Creative Commons
Trucchi Svelati reviews, makeup and more blog by Des is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.trucchisvelati.it


I diritti d'autore sulla grafica del banner sono riservati e non è pertanto possibile redistribuire, pubblicare, o modificare la grafica senza il consenso scritto dell'autrice.
Per informazioni contattare des@trucchisvelati.it
Ebuzzing - Top dei blog - BellezzaEasy Google PR CheckFollow on Bloglovin

Non sai come iscriverti a Bloglovin'?
Te lo spieghiamo noi in 5 passi!

Analytics